RomeGiftShop.com is where you shop for authentic Italian Souvenirs and Gifts from Italy without leaving home. FREE Gifts with Every Order!
NOW WHOLESALE TO THE PUBLIC with NO MINIMUM & ORDERS Still Come With FREE GIFTS, Order Online Here! - June 21, 2017

La passatella (il "tocco") Americo Giuliani

La Passatella Play
Item# lapasplay
Availability: Usually ships the next business day.

Product Description

This is the Italian version... the english translation of this play it will come next week... also it will be played with audio!

(Da dentro, uno stornello accompagnato dal pizzico della chitarra)

Nun date retta a donne... so’ scellerate! cercate de scanzalle, si potete sinnò in quarche galera v’aritrovate!!...

(un giovanotto entrando in una bettola, raduno di gente di malavita) Regazzi: avete letto er "Messaggero"’?... Ce sta’ "l'ammazzamento" de Ninetto!! Un giovenotto bullo, che davero, poteva di, d’avecce er core in petto! Azzeccatece un po’ chi 1’ha ammazzato? Buretta de Panico!... Proprio quello ch’è aritornato mo’ da fa er sordato!... Nun lo conoscete?.. Però, fijo bello, nun c’è cascato mica tanto male: ci ha prese quattro o cinque puncicate, che nun so si ce mòre all’ospedale!! Er motivo de’ la lite ... Indovinate: .. "La Passatella"!! – come dice er fojo che t’ha fatto succede ’sto macello: senza sape’, che sotto c’e n’imbrojio, che s’e arisorto arfine cor cortello!! Sentite er fatto: me ce so’ trovato, iersera, proprio pe’ combinazione. C’era Nino, er "Gattello" cor "Tarmato", "Lemme-Lemme" ... e ’n’antre sei persone. Stammio ’ndell’osteria li a "alla Lungara" ci avemmio in corpo già diverso vino ... Lemme-Lemme sonava la ghitara: 1’aritornelli li cantava Nino... e diceva accosì: "Pe’ quella bocca, e quell’occhioni belli, ce l’ho tradito un giovenotto bullo, me so' buttato in mezzo a' li cortelli!! ... E si' sto bullo un giorno m’incontrasse, e de st’amore, conto me chiedesse, galera, o camposanto... m'aspettasse!!". - Piantela! – feci – co’ sti piagnistei!... Portate n’antro litro... sora Tuta – A Nino: embè' che giovenotto sei?... Se dice: "Gente allegra, Dio l’aiuta".... ma tu fijo bello, drento all’osteria te se’ messo a cantà’ ’sto miserere, ch’è longo peggio de ’na litania!... che giovenotto sei... me fa er piacere ’?... Nino me fece: – Smorza... me sto zitto... hai raggione!... bevemo!... pero er core, stasera me lo sento tutto afflitto; e ci ho un presentimento de dolore, pe’ mamma mia!!... Bevemo sto goccetto, poi me ne vado a ccasa! L’ho lassata che ci ha la tosse, e un doloretto in petto!... Pora vecchietta!... quanno sta’ malata, Vo’ che je sto' vicino, perché ha detto che l’unica magniera pe’ guarilla, è quella d’avé' accanto er su’ Ninetto ... perché, lei dice, allora è più tranquilla! Nun aveva finito de discore che, dalla parte delle Mantellate s’intese de cantà: "Fior de mughetto... Pe’ chi la mi ragazza m’ha levata, tengo un cortello da piantaje in petto!!". - E er Buretta che canta... - fa er Gattello - - Com’ hai detto ’!... er Buretta’. - fece Nino - Diventò bianco, se cacciò er cortello, e l’appunto de sotto ar tavolino!! Se spalanco la porta: quelli entrorno: - Bona sera regazzi!... – Bona sera!... e nun appena che ce salutorno, vedessimo chi c’era e chi nun c’era: "Nello de Ponte ", "Toto dell’Armata "... "Er Manciola"... e cert’antri giovenotti che n’ conoscemmo – Doppo "1’invitata" ordinassimo ’n’antri po’ de gotti! "Er Buretta" ce fa: – Co’ tanto vino me dite giovenotti che ce famo? – Io de sott’occhio me guardavo Nino - Embe... – fece er Manciola – a che pensamo? Ragazzi! ho fatta ’na pensata bella: giacché c’è er fatto d’esse tutti amichi, se la volemo fa ’na passatella? Eh Nino? che ne pensi?... che ne dichi? ... - C’e della gente che nun la conosco... o pe ddi mejo, so’ solo de nome!!... - Ma nun vieranno mica mai dar bosco ’sta gente che voi dite... e nun so come... - Smorza !... smorza Burè!!... – Allora famo. Annamo pe’ chi va?... Va pe’ 'r Manciola: ferme le deta che mo le contamo: sessantasette... Aeh! ’na girata sola... - Allora ... ventisette... trentasette... e der Tarmato - Padrone Nino... e sotto... fe er Buretta aricordateve de chi v’ha cacciato... pe mo’ me faccio solo ’sta fojetta - Mannate, a sor mae… – fece er Buretta - Ce manno Lemme Lemme – disse Nino - Chiedete! – Posso beve?... – ’Sta fojetta me la fo’ io! – E de’ ’sto passo, er vino, te se lo schiaffa in corpo tutto quanto!!

- Mbe?... ci’ arifamo?... – Pe’ me pianto er gioco! - Che accosi presto voi je date er pianto? Acciderba, come bevete poco!! – A’ sta parola Nino se fa giallo: - Amico... senza fa la minchionella, ’sto gioco, torna conto de lassallo! E... sinno?... – Ve s’arimponerà la passatella – - Ma pe’ propotenza, o... – Come te pare! De’ resto giù la maschera dar viso: me chiamo Nino delle Vorpettare... quello, che solamente p’ ’n soriso, de’ ’na regaza che se chiama Rosa ... - Rosa de Borgo? – Si!! – Scelerato!!... - Sorte de fore!!... arfine t’ho trovato...– E che voi aregge!! comme n’ addannato, me da ’na strattonata... pia er cortello... co’ ’n sarto er tavolino e scavarcato, e lì pe strada incomiciò er duello!! Le lame, me pareveno saette, ’nde la giostra’ de sotto a quer lampione. Noi, da ’na parte, senza disse un ette guardammio tutti zitti ’sta funzione! Un urlo rimbombo ’nde la nottata: - Fermete, bojaccione.... che m’ hai fatto!!! Sulla camicia tutta insanguinata er Buretta ce porto la mano, e all’atto, casco longo de peso sur serciato!!! Se buttassimo immezzo tutti quanti: Nello, Toto er Manciola... cor Tarmato lo sollevorno: – Embe! regazzi! avanti... C’è l’ospedale che ’sta qui vicino... portatelo accusi... fate attenzione! ... S’allontanorno... Io m’avvicino a Nino: co’ le spalle appoggiate lì ar lampione, palido come un morto me guardava: le braccia giù, er cortello a pennolone! Da la parte der core ce spiccava ’na macchia rossa!! Dico: – Sei ferito!! – Fece na smorfia... – No... m’ha puncicato! – S’aridrizzò – Ched’e? – Me pare ave sentito uno de core!... – Te sarai insognato... - Si: hai raggione... e ’na donna che core... - Che fusse tante vorte... e mi’ sorella! "A Ninooo... core a ccasa mamma more!!!" - Che?... More mi madre Ah! boja passatella!!! – Fece pe’ còre e corse un venti passi, co’ ’na corsa affannata... se fermò: e prima... prima assai ch’io l’arivassi, strillò: – Ah mamma!!!... e poi cascò!

ROMEGIFTSHOP.COM IS YOUR ONLINE STORE FOR CATHOLIC GIFTS, ITALIAN SOUVENIRS, UNIQUE GIFTS FROM ITALY, AND YOUR GIFT ORDERS ARE SENT WITH YOUR PERSONAL MESSAGE, FREE OF CHARGE!